2 - 1 Ottobre 2019

TRE LIBRI BELLI DA LEGGERE SUBITO

In questo momento della mia vita faccio fatica a leggere.

Ho diversi libri da leggere sul comodino e svariati libri da comprare nella mia lista.

Eppure fatico a concentrarmi soprattutto se nella stessa stanza si trova anche il mio cellulare. So che passerà, di fasi come queste ne ho passate molte.

In questi casi ho bisogno di un libro che mi catturi, che mi rapisca.

In questi ultimi mesi mi è successo tre volte che ora vi racconto.

Sono questi i libri che vi consiglio di leggere subito se, come me, avete bisogno di riconciliarvi con la lettura.

LA CASA DEGLI SPECCHI

Cristina Caboni
Garzanti 2019

La casa degli specchi tra i Libri da leggere

Tra i libri da leggere subito il primo è La casa degli specchi di Cristina Caboni.

Sembra ieri che avevo finito La stanza della tessitrice di Cristina Caboni ed eccola che ha sfornato un nuovo libro.

Cristina Caboni ci ha raccontato che quando scrive ha come delle visioni, vede i suoi personaggi che hanno vita propria e che lei sostanzialmente intervista.

Ne La casa degli specchi si parla di amore, in fondo che altra ragione c’è se non questa?

L’amore che lega Milena, la protagonista, a suo nonno Michele: non c’è sentimento più puro e nobile di quello che lega un nonno e una nipote, a mio avviso.

L’inizio della vita e la fine della vita che si prendono a braccetto.

E poi c’è l’amore tra due persone, quello indissolubile, quello raro ed eterno che dura tutta la vita anche se questa vita viene trascorsa separati.

E infine in questo libro c’è l’amore per una casa, per il mare, per l’arte e per tutto quello che ci rende migliori.

L’unica cosa davvero nostra è il presente, benché la gente spesso lo dimentichi e lo trascuri.

L’EDUCAZIONE

Tara Westover
Feltrinelli 2018

L'Educazione di Tara Westover

L’Educazione di Tara Westover è uno dei libri più belli che io abbia mai letto in vita mia.

E non è solo per questa storia, incredibile ancor di più perché vera, ma soprattutto per la scrittura di questa ragazza nata nel 1986.

Una scrittura perfetta, semplice, chiara, vera quella de L’Educazione di Tara Westover.

Una scrittura che ti tiene attaccato a queste pagine e che riesce a calmarti mentre leggi fatti impensabili.

Le scelte, innumerevoli come granelli di sabbia, si erano stratificate e compattate, unendosi in sedimento, poi in roccia, fino a incastonarsi nella pietra.

Tara cresce per 17 anni in una famiglia mormona nelle montagne dell’Idaho insieme ai suoi numerosi fratelli.

Senza certificati di nascita, senza scuola, senza dottori.

Vive senza sapere nulla del mondo, non sa cosa sia l’Olocausto e non conosce gli attacchi alle Torri Gemelle.

Insieme ai suoi fratelli ha trascorso una vita senza libri, lavorando nella discarica del padre, eseguendo compiti pericolosissimi.

Si affida totalmente ad un padre che ha un forte disturbo mentale e ad una madre che non la forza di difenderla.

Fino a quando scopre una cosa, l’Educazione, che la allontanerà per sempre.

Potete chiamare questa presa di coscienza in molti modi. Chiamatela trasformazione. Metamorfosi. Slealtà. Tradimento. Io la chiamo un’educazione.

PERSONE NORMALI

Sally Rooney
Einaudi 2019

Persone Normali di Sally Rooney

Vi consiglio con tutto il cure di leggere questo libro perché Persone Normali di Sally Rooney è un libro bellissimo.

Per la storia, per la scrittura più che perfetta, asciutta, dura, misurata, per la delicatezza di ogni singola parola scritta.

Non so perché non riesco a essere come le persone normali,

dice a un certo punto Marianne a Connell.

Marianne e Connel, i protagonisti di Persone Normali, si amano al liceo e ancora non lo capiscono.

Sono entrambi insicuri, difficili, feriti, orfani di padre, complessati, terrorizzati dal giudizio degli altri.

Negli anni a venire si ameranno nel modo sbagliato, ingiusto, superficiale che ti succede quando sei giovane.

È incredibile come prendi delle decisioni perché ti piace qualcuno, dice lui, e poi tutta la tua vita è diversa. Credo che la nostra sia quella strana età in cui la vita può cambiare enormemente per delle decisioni minime.

Anni, così cruciali e così delicati nella vita di un giovane, che ci vengono raccontati con una cronologia che ho amato, adorato.

Questo tipo di divisione dei capitoli e dei sottocapitoli, i salti temporali, la forma di Persone Normali per me ha fatto la differenza.

Nei capitoli di Persone Normali ci sono ogni volta dei piccoli flashback che ci spiegano i retroscena dei fatti in essere, ci consentono di capire.

Marianne e Connell si ameranno, si solleveranno a vicenda, si affosseranno a distanza, da vicino, ingabbiati e devastati dalla vita, o nei rari sprazzi di slancio irrazionale.

Questo momento le sembrerà di un’intensità insopportabile anche nei ricordi, ma ne è già consapevole fin d’ora, mentre sta accadendo. Non si è mai considerata degna di essere amata da qualcuno. Adesso però ha una nuova vita, di cui questo è il primo istante, e anche dopo tanti anni penserà ancora: Sì, è proprio così, quello è stato l’inizio della mia vita.

[labnol_related]

Lascia un commento