8 - 12 Maggio 2019

SONO UNA MAMMA IMPERFETTA

Sono una mamma imperfetta

Sono una mamma imperfetta.

Lo sono stata da subito quando mentre ti aspettavo ho pensato che un gin tonic non ci avrebbe fatto male.

Quando la sera prima di partorire ho mangiato un chilo di vitello tonnato.

Lo sono stata quando non ho provato alcuna nostalgia per un parto naturale che mi era stato precluso.

Ancora di più quando ho interrotto un allattamento che non mi veniva bene.

Sono stata una mamma imperfetta quando uscivo senza salviette, pannolino e acqua come ogni buona mamma fa.

Quando ti lasciavo ore nella tua culla a guardare il soffitto mentre io lavoravo.

E ogni volta che ho pensato che tanto ti saresti riaddormentata da sola e infatti tu lo facevi.

Ogni notte che hai dormito nel tuo lettino da sola, febbre o non febbre.

Quando non sono stata capace di farti le torte per il tuo compleanno o a insegnarti lavoretti creativi che presto hai insegnato tu a me.

Quella volta che sono partita per Londra e ti ho detto che andavo a fare la spesa.

Sono stata una mamma imperfetta ogni volta che non sono stata in grado di farti quelle treccine incrociate che tu amavi tanto.

E lo sai, ogni volta che non ho fatto il bagno con te in piscina perché la detesto.

Sono stata una mamma imperfetta forse anche quando ti ho insegnato a pensare prima a te stessa e poi agli altri.

Che prima lo impari è meglio è.

Sono stata una mamma imperfetta quando ti ho proposto di fare la pizza con il Bimby che ci mettiamo meno e non a mano come vuoi fare tu.

Quando non ho staccato gli occhi dal cellulare per guardare te.

Ogni volta che ho alzato la voce a sproposito, stanca o triste per qualcosa che non ti riguardava, sono stata una mamma imperfetta.

Le centinaia di volte che ti ho propinato la pasta al pesto invece di manicaretti cucinati con amore.

Quando non ho rinunciato alla mia uscita serale settimanale, per me così vitale.

Quando non sono riuscita a nascondere quello che avevo nel cuore e che mi faceva male.

Sono stata una mamma imperfetta anche quando non mi sono vergognata di piangere con te accanto, quel giorno di sei anni fa così difficile.

Sicuramente anche nel mio esserci troppo, lo so, sono una mamma imperfetta.

Lo sono ogni giorno, perché è l’unico modo che conosco di essere mamma.

In una sola cosa credo di non esserlo stata: nel mio amore assoluto e incondizionato, quello che ogni mamma conosce.

Ma anche nel mio impegno sgangherato e continuo, nell’aver deciso che la quantità sarà peggio della qualità ma forse mi viene meglio la quantità.

Negli abbracci sempre pronti, nel mio chiederti scusa ogni volta che sapevo di aver sbagliato, nel mio insegnarti l’amore, il tuo è sconfinato!

Ma spero di averti insegnato con i fatti una cosa: che potrai sbagliare, che potrai essere imperfetta, che l’amore prescinde dalla perfezione, che potrai cadere e trovare la mia mano accanto per rialzarti, se lo vorrai, sempre.

[labnol_related]

6 comments

  1. Alessandra says:

    Amica mia … piango ogni volta che leggo queste parole … sono le stesse che dedicherei alla mia Anna … siamo mamme imperfette .. ma siamo mamme e ce la mettiamo tutta … noi siamo così ❤️Ti voglio bene

Lascia un commento