2 - 15 Gennaio 2019

 16 MOSTRE GRATIS DA VEDERE
A MILANO A GENNAIO

mostre gratis milano gennaio

Il nuovo anno è arrivato ma quello vecchio ci ha lasciato in eredità un bel po’ di mostre gratis di cui vi ho parlato a Dicembre.

Ma a queste ne aggiungiamo qualcuna, quindi mi raccomando concentratevi.

E poi una cosa bella: su Instagram ho aperto il mio nuovo profilo tutto dedicato alle mostre gratis.

Correte a seguirlo!


TI PORTO IN PRIGIONE:
IN TRANSITO. UN PORTO A SAN VITTORE

LA TRIENNALE

Fino al 20 Gennaio 2018
(Mart.-Dom.: h.10.30-20.30)

Ingresso libero

Viale Alemagna 6, Milano

60 immagini di Nanni Fontana, scattate tra il 2017 e il 2018, mostrano per la prima volta la vita, le attività e le speranze di circa sessanta detenuti con problemi di dipendenza.

Questi detenuti nel periodo di custodia cautelare hanno intrapreso un percorso terapeutico alla Nave, il reparto a trattamento avanzato della Casa Circondariale di Milano.

Un viaggio per far conoscere questa esperienza, nella convinzione che il modello Nave possa essere replicato.

PROSPETTIVA.
VIAGGIO NEGLI ARCHIVI DI FONDAZIONE FIERA MILANO

LA TRIENNALE

Fino al 20 Gennaio 2018
(Mart.-Dom.: h.10.30-20.30)

Ingresso libero

Viale Alemagna 6, Milano

La storia siamo noi, non lo dico io, ma è una frase che lo sapete ripeto sempre.

E in questa mostra siamo proprio noi.

In scena ci sono 98 anni di innovazioni e cambiamenti dell’industria e della società.

Un viaggio nel nostro passato recente, tra la storia italiana ed europea dell’ultimo secolo e quella dell’impresa a Milano.

È una mostra meravigliosa, importante, lunga. Non perdetevela.

CONTEMPLARE. CARLO DELL’AMICO

FONDAZIONE STELLINE

Fino al 20 Gennaio 2019
(Mart.-Dom.: h.10-20)

Ingresso libero

Corso Magenta 61, Milano

Un’installazione site specific di Carlo Dell’Amico, che realizza un percorso espositivo sui temi della città.

L’artista guarda al fallimento di questi enormi agglomerati urbani, alla loro implosione, già avvenuta o in atto.

Opere scultoree che uniscono elementi naturali ad elementi artificiali.

GENTLEMEN OF BACONGO

URBAN CENTER

Fino al 25 Gennaio 2019
(Lun.-Ven.: h.9-18
)

Ingresso libero

Corso Vittorio Emanuele II Milano

In mostra il fenomeno dei Sapeurs del Congo, nato in epoca coloniale nella Repubblica del Congo e  fotografato da Daniele Tamagni, artista scomparso nel 2017.

La mostra ci racconta della Sape (Société des Ambienceurs et des Personnes Elégantes – “Società di persone eleganti che fanno ambiente”) nel quartiere popolare di Bacongo, a Brazzaville, capitale della Repubblica del Congo.

Il movimento si è poi diffuso a Kinshasa come forma di opposizione politica e culturale alla dittatura di Mobutu, che aveva vietato di vestirsi all’occidentale.  

Il fotografo Daniele Tamagni li ha incontrati e ha dedicato loro un periodo della sua vita.

Voleva capire nel profondo un codice estetico che è anche espressione di uno stile di vita.

INNOVATORS

LA TRIENNALE

Fino al 2 Febbraio 2018
(Mart.-Dom.: h.10.30-20.30)

Ingresso libero

Viale Alemagna 6, Milano

Innovators è il racconto di sei imprenditori che hanno unito la creatività e l’ingegno, applicando la tecnologia anche ad ambiti tradizionali. Un premio e una mostra.

Il vincitore riceverà una consulenza di comunicazione da parte di un pool di professionisti di WPP.

IL MIO GIAPPONE

FONDAZIONE MATALON

Fino al 2 Febbraio 2019
(Mart.-Sab.: h.10-19)

Ingresso libero

Foro Bonaparte 67, Milano

In mostra oltre 48 fotografie che ci raccontano il Giappone contemporaneo, tra modernità  e  tradizione, visto attraverso gli occhi di Alberto Moro, Presidente dell’Associazione Culturale Giappone in Italia.

MEMORIA È FUTURO

ARCHIVIO DI STATO

Fino al 2 Febbraio 2019
(Lun.-Sab.: h.10-18

Chiuso festivi e 24.12, 31.12, 05.01)

Ingresso libero

Via Senato 10, Milano

Conoscete il mio amore per l’Archivio di Stato di Milano, dove ho studiato dopo l’Università.

Questa è la prima mostra nazionale dei beni archivistici e librari acquistati al patrimonio culturale statale.

Un viaggio dal Medioevo all’età contemporanea attraverso i luoghi della conservazione in cui i beni troveranno la loro casa pubblica.

Giulio Paolini
del Bello ideale

Fondazione Carriero

Fino al 10 Febbraio 2019
(tutti i giorni 11.00-18.00;
chiuso il lunedì)

Ingresso libero

Via Cino del Duca 4, Milano

Credo che questa sia una delle mostre più belle in corso.

Questa location è meravigliosa e non ve la dovete perdere per nessun motivo.

La mostra ripercorre l’intero arco dei 57 anni di carriera di Giulio Paolini.

In esposizione ci sono capisaldi della sua produzione, alcuni dei suoi celebri autoritratti, fino a tre nuove opere appositamente concepite per questa occasione.

Le opere sono state messe in scena con una vera e propria scenografia, in quello che credo sarà un un viaggio bellissimo.

CAPITANI CORAGGIOSI.
L’avventura umana della scoperta (1906 – 1990)

MUDEC

Fino al 10 Febbraio 2019
(Lun.: h.14.30 ‐19.30; 

Mart., Merc, Ven., Dom.: h.09.30-19.30;
Gio.-Sab.: h. 9.30‐22.30)

Ingresso libero

Via Tortona 56, Milano

In questa mostra ci vengono raccontate, attraverso allestimenti scenografici, avventure eccezionali!

Come la conquista del K2 del 1954, la trasvolata delle Alpi in pallone di Celestino Usuelli, lo studio di Marte e le profondità delle grotte lombarde.

Una galleria di video interviste spiegherà anche il futuro della geografia.

FRANCO CARDINALI: INQUIETUDINE NECESSARIA

PALAZZO GIURECONSULTI

Fino al 14 Febbraio 2019
(Lun.-Ven.: h. 10-18.30
)

Ingresso libero

Piazza Mercanti 2, Milano

Dopo trent’anni dalla mostra postuma all’Accademia di Brera, sono esposti oltre cinquanta lavori di Franco Cardinali, artista ligure formatosi nell’ambiente parigino di Montparnasse nell’ambito dell’École de Paris.

Era amico di Jean Cocteau, di Jacques Prévert, che dedica una poesia ad una sua opera e di Pablo Picasso.

Colori tradizionali ad olio vengono impastati con materiali terrosi e argillosi per creare superfici spesse, composite, vissute.

SCHEDATI, PERSEGUITATI, STERMINATI

PALAZZO DI GIUSTIZIA

Fino al 17 Febbraio 2019
(Lun.-Ven.: h. 8.30-19.00; Sab.: h.8.30-13.00)

Ingresso libero

Via Freguglia 1, Milano

In mostra fotografie e  documenti che testimoniamo come dal 1939, i malati psichici furono schedati e poi uccisi nell’ambito della cosiddetta ‘Operazione T4’ dal nome dell’indirizzo della sede centrale a Berlino (Tiergartenstrasse 4).

Tutto questo avvenne anche con la complicità di psichiatri italiani.

Tra i documenti esposti troverete l’ordine di Hitler con l’autorizzazione “a concedere la morte per grazia ai malati considerati incurabili secondo l’umano giudizio”.

Vengono mostrati anche i volti dei periti che selezionavano i pazienti da uccidere, fotografati con le proprie mogli.

In esposizione anche le lettere di condoglianze con cui venivano informati i parenti delle morti dei congiunti e in cui venivano inventate false circostanze del decesso.

PERIMETRI: VALDI SPAGNULO. CONTRAPPUNTO

STUDIO MUSEO FRANCESCO MESSINA

Fino al 17 Febbraio 2019
(Mart.-Dom.: h.10-18)

REALITY 80

Galleria Gruppo Credito Valtellinese

Fino al 23 Febbraio 2019
(Mart.-Ven.: h.14-19; Sab. 9-12;
Apertura straordinaria sabato 23 febbraio h.10-19)

Ingresso libero

Corso Magenta, 59

Una mostra che ci racconta gli Anni Ottanta, procedendo per temi, esperienze ed episodi chiave.

Tavoli e bacheche con foto, documenti e oggetti cult, schermi d’epoca con cui giocare con i primi videogiochi, nati proprio allora.

E per noi che c’eravamo, bé quante emozioni tutte insieme!

Mario Merz
Igloos

PIRELLI HANGARBICOCCA

Fino al 24 Febbraio 2019
(Gio.-Dom.: h. 10-22)

Ingresso libero

Via Chiese 2, Milano

Questa mostra gratis è dedicata a Mario Merz, tra gli artisti più rilevanti del secondo dopoguerra.

Vi troverete nelle Navate Pirelli HangarBicocca al centro di una costellazione di oltre 30 opere di grandi dimensioni a forma di igloo.

Mario Merz è stato una figura chiave dell’Arte Povera: gli igloo hanno una struttura metallica rivestita da materiali di uso comune, come argilla, vetro, pietre, juta e acciaio e dall’uso di scritte al neon.

SUMMERISNOTOVER
Šejla Kamerić

FONDAZIONE ADOLFO PINI

Fino all’8 Marzo 2019
(Lun.-Ven.: h.10-13; 15-17.00)

Ingresso libero

Corso Garibaldi 2, Milano

Questa artista nata a Sarajevo è cresciuta durante la guerra.

Questa mostra fotografica ci fa riflettere sulla percezione che abbiamo delle notizie e delle immagini di guerra.

L’artista crea un gigantesco flusso di immagini per ricordare allo spettatore che l’estate non è finita: la guerra non è finita.

La mostra è collocata nell’appartamento dove ha sede la Fondazione Adolfo Pini che è meraviglioso di per sé!

STORIE DI MODA
Campari e lo stile

GALLERIA CAMPARI

Fino al 9 Marzo 2019
(Visite guidate gratuite e su prenotazione
Mart.-Ven.: h. 10.00, 11.30, 14.00, 15.30 e 17.00;
Ogni secondo sabato del mese: h.10.00, 11.30, 14.00, 15.30 e 17.00
Apertura serale: 4 dicembre h.20)

Ingresso libero

Viale Gramsci 161, Sesto S. Giovanni (Mi)

Questa mostra è prima di tutto un’occasione per visitare la Galleria Campari, meravigliosa direi unica.

La conoscete? Io non c’ero mai stata.

Il progetto di Storie di Moda sottolinea il legame tra il brand Campari e il mondo della moda, intesa come arte e costume.

Vedrete bozzetti pubblicitari, fotografie, grafiche, abiti, riviste e accessori. 

L’esposizione è divisa in quattro sezioni tematiche e ci sono opere provenienti dall’archivio di Galleria Campari insieme a prestiti da case di moda, musei e fondazioni.

[labnol_related]

Lascia un commento