2 - 3 Novembre 2020

UNA GITA AL CASTELLO BOLOGNINI

Il cortile del Castello Bolognini

Martedì ho visitato il Castello Bolognini a Sant’Angelo Lodigiano, vicino a Lodi, appartenuto alla famiglia Morandi Bolognini.

Il Castello Bolognini si trova a 40 minuti da Milano ed è un Castello Visconteo del XIII secolo.

Il parco del Castello Bolognini

Una perfetta gita fuoriporta!

Noi siamo andati con il treno fino a Lodi e poi abbiamo preso un taxi, ma naturalmente il mezzo migliore è l’auto.

Dopo aver attraversato il Cortile Maggiore del Castello, spettacolare, troverete ben tre musei: il Museo Morando Bolognini, il Museo del Pane e il Museo di Storia dell’Agricoltura.

Castello Bolognini

LA CASA MUSEO DEL CASTELLO BOLOGNINI 

Sale del Castello Bolognini

Con una guida meravigliosa abbiamo visitato molto approfonditamente il primo dei tre, il Museo Morando Bolognini, che è una vera Casa Museo.

Il Museo Bolognini è stato realizzato già alla fine dell’Ottocento dal conte Giacomo e conta 24 saloni arredati con mobili e arredi originali del tempo.

Gli abiti e gli oggetti personali invece sono conservati a Milano, a Palazzo Morando, dove i Conti vivevano.

Peraltro, Palazzo Morando nel 2010 è stato destinato ad accogliere la collezione di Moda e Costume del Comune di Milano.

I 24 saloni comprendono sia stanze di rappresentanza che le stanze dove i Conti effettivamente vivevano.

LE SALE CHE HO AMATO DI PIÙ DEL CASTELLO BOLOGNINI

La biblioteca del Castello Bolognini

Strepitosa la Biblioteca del Castello che ospita circa 2000 volumi, per lo più su temi agricoli.

È una fedele ricostruzione di quella originale settecentesca bruciata nell’incendio del 1911.

Particolare molto curioso è la porticina segreta che si trova sotto la lettera S: cercatela!

Monumentale l’Armeria che è costituita da circa 500 pezzi di varie epoche e provenienze.

Armeria del Castello Bolognini

Mi sono innamorata della Sala del Risorgimento, detta anche degli Specchi, l’unica che ha la carta da parati.

La Sala del Trono, una delle prime che abbiamo visitato, mi ha conquistato per l’albero genealogico della famiglia che occupa un’intera parete.

Albero genealogico al Castello Bolognini

E poi non dimenticherò il salottino dorato e rosa della “Torre Mozza”, una piccola bomboniera dove la contessa beveva il tè.

La chicca finale della visita è stata la Stanza veneziana, verde, in perfetto stile veneziano che ospitò Giacomo Casanova nel 1763.

Questa è l’unica stanza del Castello che ha una vasca posta in una nicchia separata: pare che Casanova l’abbia pretesa perché si lavava molto!

Ma visto che di bagni al Castello non ce n’erano, gli procurarono un abbeveratoio poi adattato in vasca.

IL MUSEO DEL PANE DEL CASTELLO BOLOGNINI

Il Museo del pane

Gli altri due musei del Castello meriterebbero una visita a parte perché sono immensi!

Il Museo del Pane è un museo unico nel suo genere.

È allestito in quattro sale: nella prima sono presentati i cereali, materia prima per i diversi “pani” del mondo.

E qui si trovano le straordinarie teche di A. Gnecchi che contengono una serie di circa 100 ibridi di frumento, coltivati agli inizi del 900.

Nella seconda sala sono illustrate le varie fasi del ciclo “Grano-Farina-Pane” con schemi alle pareti e attrezzi originali.

La terza sala raccoglie oltre 500 forme di pani (pani veri) delle regioni italiane e di molti paesi europei ed extraeuropei.

Nella quarta sala sono visibili le attrezzature per la produzione del pane e sono inoltre presenti composizioni di pani artistici realizzate da abili maestri panificatori.

IL MUSEO DI STORIA DELL’AGRICOLTURA DEL CASTELLO BOLOGNINI

Questo museo è posto in quelle che furono le scuderie del Castello ed è immenso!

Racconta la storia dell’agricoltura a partire dai primordi (neolitico), all’età romana, medioevale, rinascimentale e moderna.

Ho trovato meravigliosa la ricostruzione della cascina lodigiana, con all’interno tutte le sue botteghe artigiane.

In fondo poi ci sono due stanze contadine, la cucina e la camera da letto, che ci mostrano com’era la vita dei contadini della zona.

Nel cortile sono poi esposti carri agricoli e macchinari della prima industrializzazione delle campagne.

La torre del Castello Bolognini

La nostra visita è finita e io devo dire che sinceramente, lo pensavo molto prima di tutto questo.

Non possiamo aspettare di essere in vacanza o di fare un lungo viaggio per essere felici.

Abbiamo bisogno di un posto bello vicino, abbiamo bisogno di cose belle a portata di mano.

CASTELLO BOLOGNINI

Una gita al Castello Bolognini a Sant’Angelo Lodigiano

[labnol_related]

Lascia un commento