9 - 20 marzo 2018

UN RISTORANTE SPECIALE SUI NAVIGLI A MILANO: 28 POSTI

 Via Corsico 1, Milano

la sala del ristorante a milano 28 posti

Gli arredi del 28 Posti

Il 28 Posti è un ristorante bellissimo e anche buonissimo, che sta sui Navigli a Milano ma che dei Navigli ha pochissimo.

Se per Navigli intendiamo la confusione, i locali per turisti e le bancarelle. 

Il 28 Posti è un ristorante piccolo, curato, amato dove si fa cucina contemporanea.

L’arredo è totalmente di recupero ed è stato realizzato dai detenuti del carcere di Bollate, che ne hanno costruito tavoli, porte e armadiature.

Gli oggetti che sono in sala provengono, reinventati, dalla baraccopoli di Mathare e da un laboratorio del ferro vicino a Nairobi. 

Le lampade Pet Lamp sono state realizzate da Alvaro Catalan De Ozon con un gruppo di indigenti emigrati a Bogotà.

Lo chef del ristorante 28 Posti, Marco Ambrosino, è giovane e viene da Procida.

Sceglie di utilizzare solo prodotti di stagione, rispettando l’ambiente e con un’attenzione assoluta per la qualità.

Il menù cambia ogni due mesi, ma ci sono dei cavalli di battaglia che non vi potete perdere:

  • i tagliolini con porro fondente, polvere di capperi, limone candito (pazzeschi)
  • la cipolla bruciata con fragoline di bosco fermentate
  • il dolce a base di ricotta, carbone, gelato al polline e bottarga.

Se qualcuno fosse celiaco o vegano, qui troverà validissime alternative.

Il 28 Posti ha in carta per l’l’80% vini naturali o bio-dinamici, che non contengono pesticidi né solfiti aggiunti.

Sono etichette di altissima qualità ma di piccoli produttori e vignaioli artigiani.

Lo trovo meraviglioso!

La Guida Michelin 2018 ha assegnato al ristorante 28 Posti il piatto e un coperto.

Idea come sempre geniale quella di venire a pranzo per il business lunch.

Ci sono davvero tante opportunità di visitare ristoranti a Milano con prezzi molto accessibili!

28 POSTI

Via Corsico 1, Milano
02 8392377
Aperto tutti i giorni (domenica solo per il brunch)
Chiuso il lunedì.

Condividilo sui social!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento